Criptovaluta, Notizia

La settimana del Bitcoin: 5 cose da sapere

I tori subiscono perdite settimanali record

Le contrattazioni di questa settimana hanno un andamento lento dopo le turbolenze del mercato della settimana precedente.

Il crollo dei token LUNA e UST del protocollo Terra Blockchain ha avuto ripercussioni sui mercati delle criptovalute e il Bitcoin non ha fatto eccezione a questa tendenza.

BTC/USD ha effettuato un rimbalzo a forma di V dopo essere sceso leggermente al di sotto del suo prezzo di realizzo di 24.000 dollari, e nei giorni successivi è salito oltre i 31.000 dollari. Se un tempo questa era una roccaforte, ora sembra che 30.000 dollari siano troppo forti per essere superati.

Alcune criptovalute sembrano avere prospettive più positive, ma i trader sono ancora cauti nel prendere posizioni solidamente ottimistiche.

I livelli attuali sono visti come la base per un rimbalzo di sollievo che alla fine risulterà in un rifiuto e in un assalto a minimi più bassi rispetto a quelli dei ribassi della scorsa settimana.

Un famoso account Twitter chiamato IncomeSharks ha recentemente affermato che “così come noi tori abbiamo combattuto la tendenza nelle ultime settimane, credo che gli orsi siano destinati a respingere o rifiutare qualsiasi ulteriore guadagno”, riferendosi alle previsioni su BTC/USD.

Secondo il rapporto, le persone che si sono spostate da poco sul lato negativo rischiano di diventare “troppo radicate nei loro pregiudizi”.

Le monete devono recuperare 31.000 dollari e non solo 30.000 per continuare a salire, dato che quest’ultimo valore segna i massimi della settimana.

Su una scala oraria o giornaliera, la situazione sembra essere molto più pericolosa.

Nonostante il piccolo rimbalzo, il grafico settimanale di BTC/USD ha chiuso la sua settima candela rossa di fila il 15 maggio – una pietra miliare nella storia. I dati rivelano che la settimana si è conclusa a circa 31.300 dollari.

Nel tentativo di determinare se il declino a lungo termine del Bitcoin possa continuare, l’utente Twitter Nunya Bizniz ha sottolineato che i massimi storici del Bitcoin sono stati tradizionalmente molto al di sotto del suo valore attuale.

Secondo i precedenti storici, il BTC/USD dovrebbe essere scambiato molto al di sotto dei 69.000 dollari al momento del suo secondo dimezzamento in due anni.

 

Con l’avvicinarsi dell’incontro annuale del World Economic Forum a Davos, il DXY non mostra segni di rallentamento

L’inflazione, l’aumento dei tassi e gli sconvolgimenti geopolitici hanno attirato l’attenzione della Fed la scorsa settimana, ma Terra ha rapidamente messo in ombra tutte queste preoccupazioni.

Questa settimana non ci saranno sviluppi importanti, ma le tensioni di fondo non sono diminuite.

Ciò significa che le banche centrali di tutto il mondo continueranno a discutere del conflitto tra Russia e Ucraina, dell’inflazione e delle misure adottate per ridurla. L’evento 2022 del World Economic Forum inizierà il 22 maggio e questo sarà sicuramente un tema di primo piano.

Il Forum seguirà un evento separato questa settimana in El Salvador, dove i funzionari di 44 nazioni discuteranno di Bitcoin e della possibilità che gli ospiti, sia favorevoli che contrari, facciano sentire la loro voce.

Il 15 maggio il presidente Nayib Bukele ha dichiarato che 32 banche centrali e 12 autorità finanziarie (44 nazioni) si riuniranno in El Salvador per discutere di inclusione finanziaria, economia digitale, banking per i non bancarizzati, lancio del Bitcoin e vantaggi per il nostro Paese.

Allo stesso tempo, la forza del dollaro nei confronti dei principali partner commerciali non mostra segni di diminuzione.

Da mesi non si registra un picco macro per l’indice del dollaro USA (DXY), nonostante le fasi di consolidamento locali.

Al 9 maggio, il DXY ha raggiunto il livello più alto dalla settimana conclusasi il 9 dicembre 2002.

Secondo i tweet dell’esperto Blockchain Backer, l’euro è ora scambiato al livello più basso degli ultimi cinque anni rispetto al dollaro USA.

Storicamente, il DXY ha agito inversamente all’euro, che è una componente chiave del DXY.

Secondo Blockchain Backer, il DXY esercita storicamente una pressione sia sui mercati azionari che su quelli delle criptovalute, questi ultimi, tuttavia, hanno già mostrato i modelli correttivi osservati nei mercati ribassisti.

In questo momento sta succedendo un po’ di tutto”. NASDAQ in calo dopo la violazione della resistenza della settimana precedente. Livello più alto degli ultimi 20 anni per il DXY. EURUSD è sostenuto. Ethereum e il mercato delle Altcoin hanno visto correzioni simili in passato. Tuttavia, “nessuna moneta sta volando come se fosse in corso un’inversione”, prosegue il post.

 

Tether torna in auge dopo aver perso il 5% del suo valore

Qualunque cosa accada in futuro, il 16 maggio il mercato sarà perseguitato dal fantasma del caos della scorsa settimana.

Mentre continuano ad arrivare informazioni sul fallimento e sulle misure adottate dalla società per alleviare le conseguenze del crollo dei token UST e LUNA, le conseguenze non sono ancora del tutto chiare.

Le riserve di BTC della Luna Foundation Guard (LFG) sono state vendute in massa, ma ciò non è stato confermato ufficialmente. Altre notizie persistono, tra cui enormi insolvenze di aziende esposte a LUNA e UST.

Come sottolinea Blockchain Backer, nessuno sa con certezza se la svendita sia finita. Cosa succederà?

La scorsa settimana LUNA e UST hanno subito un colpo catastrofico. In sintesi, “non conosciamo le ramificazioni di questa vicenda, né chi sia stato danneggiato di conseguenza”, si legge:

“Sono state colpite le tesorerie di altri Paesi?”. Le scorte di Bitcoin di LFG sono esaurite o ce ne sono ancora? Non c’è modo di saperlo con certezza”.

Non solo gli UST sono molto interessati, ma anche la più grande stablecoin del settore per capitalizzazione di mercato. Al 16 maggio, nonostante non vi siano prove di un ripetersi della performance di UST, 1 USDT non equivale ancora del tutto a 1 USD. La scorsa settimana Tether (USDT) ha visto calare il suo peg in dollari.

Tutto è iniziato con una modesta flessione di TerraUSD, che alla fine è andata fuori controllo, secondo Blockchain Backer.

Ad esempio, gli sviluppatori di Tether hanno recentemente affermato che la struttura di USDT è fondamentalmente diversa da quella di altre monete stabili algoritmiche come UST.

QCP Capital, un’azienda di crypto-trading, ha informato i membri del suo canale Telegram il 13 maggio: “Inizieremo a conoscere l’intera portata dei danni nelle prossime settimane, quando emergeranno storie di grandi perdite e crash”.

Nonostante la distruzione, siamo incoraggiati dalla capacità di recupero di alcune aree della criptovaluta.

Il 16 maggio LUNA era scambiata a 0,00023 su Bitfinex, il che la rende molto difficile da tracciare su qualsiasi scala temporale.

 

Analista: Le istituzioni stanno aumentando gli acquisti

No, nessuno l’ha ancora acquistata. Secondo i dati, questo è un “sì” clamoroso da parte di diversi settori del mercato.

Il CEO di CryptoQuant Ki Young Ju, che il 16 maggio ha fornito uno studio approfondito sul Bitcoin tra i 25.000 e i 30.000 dollari, ha citato gli investitori istituzionali come fenomeno cruciale.

Ki ha chiarito che, nonostante il fiasco di LUNA, il livello generale delle offerte è rimasto stabile nell’ultimo anno. Inoltre, queste offerte potrebbero ora ridurre i sell-off di Terra a seguito di queste offerte.

Nella heatmap del portafoglio ordini BTC-USD di Coinbase si sono verificati “muri di offerte piuttosto forti” a partire dal mercato ribassista del maggio 2021.

A causa della vendita a sorpresa di LFG, credo che le istituzioni abbiano tentato di impilare $BTC a partire da 30k, ma abbiano dovuto ricostruire i loro muri di offerte a 25k a causa della vendita inaspettata di LFG”.

Coinbase, l’exchange dove Ki sostiene che la maggior parte dei soldi legati a Terra sono stati ricevuti per la vendita, è visibile in un grafico di accompagnamento.

La scorsa settimana ha visto il lancio di due nuovi fondi negoziati in borsa australiani, il primo ETF al mondo sul prezzo spot del Bitcoin, che ha aggiunto un importo record intraday di BTC al suo patrimonio in gestione.

 

La crescita degli indirizzi di Bitcoin contrasta con il pessimismo degli investitori

Il sentimento del mercato non è probabilmente inaspettato visto lo stato attuale delle cose.

Questa settimana, il Crypto Dread & Greed Index è saldamente in zona “paura grave” a 14/100, un riflesso del nervosismo riguardo alla stabilità dei prezzi.

Il rimbalzo è stato un po’ più debole rispetto al primo calo, che ha visto l’indice crollare da 27/100 a 10/100 in cinque giorni.

Tuttavia, c’è la possibilità che le cose non vadano così male come sembrano in superficie.

La scorsa settimana Santiment, un servizio di monitoraggio della catena, ha pubblicato dati che indicano che il numero di indirizzi unici di Bitcoin è in aumento.

Nonostante la riduzione del 33% nelle tre settimane precedenti, l’attività degli indirizzi in $BTC è rimasta costante, come ha osservato la società nei commenti su Twitter.

“Il picco di 16 mesi nella differenza tra indirizzi e prezzi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.